username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Togli le mani dal mio polso

Dalle tue urla,
senza il tuo respiro,
mi sono disabituata,
mi sento troppo libera,
sono diventata calma,
dalla parola remota
quando hai deciso di diventare alato.
Togli le tue mani dal mio polso,
ormai sono troppo viva.
Ho l'inverno nel cuore,
e nell'anima ho una tormenta di neve.
Lo so che possiamo esistere una senza l'altro.
ho l'inverno nel cuore,
nell'anima ho una tormenta di neve.
Tu capisci che ormai siamo lontani.
Dici che devo starti vicino,
sono la tua speranza, la tua disgrazia e la tua gratifica.
Non ti sento
ne con il cuore,
ne con lo sguardo,
un giorno sarò contenta
lasciarti da solo.
ti racconterò le bugie come le vuoi.
Ti dirò con cosa mi convincerai.
Ora sono troppo viva.
Non ti basterà il tempo per dimenticarmi,
non sarai in grado di non amarmi.
Ho l'inverno nel cuore non dimenticarlo.
...
Dalle tue urla,
senza il tuo respiro,
mi sono disabituata tanto,
mi sento troppo libera,
ho cosi tanta forza,
dalla tua parola,
quando hai deciso di diventare alato.
Togli le tue mani dal mio polso,
ormai sono troppo viva,
togli le mani dal mio polso.

 

0
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • Aedo il 11/12/2009 23:58
    Una poesia triste, ma bellissima: a volte bisogna adottare decisioni difficili, per non perdere il gusto della libertà. Bravissima!
    Ignazio
  • Anonimo il 11/12/2009 13:33
    una mano che serra un polso... una catena nel cuore ed una corda per bloccare le ali... legate per non farti lontano volare.. l'amore non è questo... l'amore non conosce il tono della voce alta... la prigionia ed il tormento... l'amore ti spinge a sognare, librarti in volo per poi ritornare e se la tua felicità è volare lontano... l'amore nasconde la lacrima mentre ti porge il biglietto... per partire... un sorriso, mi è piaciuta molto.
  • Rino il 11/12/2009 11:10
    Sotto la neve cresce il grano... e dopo la tormenta, nell'aria frizzante di un mattino speciale -di quelli in cui la punta del naso diventa più rossa - i tuoi polsi sono liberi... liberi... brava! Molto intensa e coinvolgente!
  • Salvatore Ferranti il 11/12/2009 09:23
    bella poesia

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0