username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

L'Amor te pro posta di gioco in medita azione cine se

L'a mor te
è
una vecchia
anzi
una anziana
S'ignora

merita il rispetto
dovuto ad una mora

in assegni all'ora
fra i rovi rovinati dal gelo nel gelso

dai capelli imbiancati
oscurati da tempo

priva le nostre vite

in più me
d'energia
vitali
svanite

per mancanza
d'Amor

in Te

l'eco nomi mia
per esaurimento
di un no me

vinci o per di
la pelli cola

mah no
in carta forbici o sasso

vinco sempre almeno spero in percezioni d'intuito

 

0
6 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

6 commenti:

  • Anna G. Mormina il 11/12/2009 17:42
    ... la morte, merita rispetto, amor a te...
    Vincenzo sei geniale!!!!
  • Kartika Blue il 11/12/2009 17:05
    fantastica!!
  • Antonietta Mennitti il 11/12/2009 16:48
    La morte l'hai fatta diventare con questa poesia una signora non temuta... quasi quasi mi e' simpatica!
  • Anonimo il 11/12/2009 15:10
    per l'anziana signora... lo stesso rispetto che si dovrebbe avere per la giovane aurora... ne dell'una... ne della'altra... sappiamo cosa ci aspetta... sin quando non l'abbiamo attraversata... meravigliosa poesia...
  • Anonimo il 11/12/2009 11:28
    .. sei grande
  • Salvatore Ferranti il 11/12/2009 11:26
    che meraviglia questa poesia...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0