PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Prova di virilità

La testa come un ginocchio,
occhio da tacchino, il vecchio facchino
si diresse alla suburra
per dar prova di virilità.
In trina azzurra
turgide prominenze velate,
aspettative ricercate,
flessibilità d'intenti:
l'imbarazzo della scelta!
Sotto i merletti rosa pendeva ogni cosa
tutto in rovina.
Alla svelta ne scelse una turchina
e quando in alcova se la vide vicina,
la fece spogliare
e, controllata la verga,
senza parlare gli volse le terga
e l'ansimare divorò la stanza
da sentirsi quasi a distanza.
Concordò all'orecchio
che nulla trapelasse,
si guardò allo specchio
pagò,
e come un fuoriclasse
s'avviò col suo trofeo di virilità.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

15 commenti:

  • Marcelllo Barbuscio il 18/12/2009 20:27
    Fantasticaaaaaaaaaaaaa... e chi vuol capir capisca, IMMENSO UGO...
    un saluto affettuoso, Marcello
  • Dolce Sorriso il 14/12/2009 23:00
    bella... semplicemente bella
  • alice costa il 14/12/2009 13:53
    molto bella... elegante e straordinaria poesia
    complimenti...
  • Anonimo il 12/12/2009 15:41
    Straordinaria eleganza di un Signore che sa danzare con raffinata classe nell'infinito repertorio musicale della Vita. Alla fine di un tale spettacolo non resta altro da fare che alzarsi e applaudire, perché lo richiede l'emozione, condita con l'ironia, per questa magistrale "Prova di virilità".
    Grazie Ma(e)stro!
    Un abbraccio
    nel
  • Donato Delfin8 il 12/12/2009 14:05
    Bravissimo
  • Anonimo il 12/12/2009 13:24
    molto bella. Una realtà d'altri tempi che addormentava strade rendendole pulite agli occhi vedenti, sicuramente la scelta era migliore di chi oggi vela l'apparenza per non far parlare suore. buon Natale Maestro di poesia. Salva.
  • Minalouche TS Elliot il 11/12/2009 22:55
    Scopro un Ugo che non conoscevo, il poeta che ironizza sul nostro esser umani... ma con una classe che lo distingue in modo unico, una classe che non cade, come spesso capita di leggere spesso qui, nel volgare.
    Un maestro
  • Anonimo il 11/12/2009 21:22
    Divinamente ironica.. un Aretino Pietro moderno e molto più di classe
  • Anonimo il 11/12/2009 21:18
    Sagace Ugo... questa è da incorniciare
  • Aedo il 11/12/2009 18:51
    Una poesia ironica e molto sarcastica, espressa con la tua solita eleganza stilistica. Bravissimo!!!!
    Ignazio
  • Anna G. Mormina il 11/12/2009 18:21
    ... certo è triste per chi deve accontentarsi di sola 'prova di virilità', ma anche questo fa parte della vita,... di chi è solo! Vero e grande poeta!... un forte abbraccio Ugo!
  • francesca cuccia il 11/12/2009 18:16
    Le tue poesie hanno un linguaggio e significati sempre particolari molto bravo Ugo i miei complimenti.
  • Patty Portoghese il 11/12/2009 18:00
    Particolare ottimamente scritta da chi... Di poesia se ne intende. Applausi!
  • Anonimo il 11/12/2009 14:42
    sempre bravo..
  • loretta margherita citarei il 11/12/2009 13:37
    molto bella, come sempre incanti

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0