PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Stagno

In uno stagno di rame
mi osservo mutare
immobile in me stesso.
Troppe facce per un solo riflesso
a cui non voglio dare respiro.
Mi cerco ancora, guardo ancora.
Continuo a scavare in un cuore di sabbia
che franando mi ricopre.
Nella pozza pulsante
di questa vita mi bagno.
Mi immergo tra giorni ed anni
tra passioni e ferite.
Nuoto in un prisma che mi divide e separa.
Una nuova nascita mi aspetta
una vecchia morte mi attende
solo una volta
e mille volte ancora più una.
Sprofondo trascinato da questi abiti
zuppi di scadenze, doveri e realtà.
rimango sul fondo schiacciato da un'anima di cristallo.
Senza quiete il vapore del tempo
sale dalle guance al cielo
fissandomi al fondo di questa esistenza apparente.

 

0
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • Anonimo il 02/01/2010 12:42
    bellissima
  • loretta margherita citarei il 12/12/2009 21:21
    piaciuta
  • Anonimo il 12/12/2009 12:30
    Bellissima... nulla da aggiungere!