accedi   |   crea nuovo account

Temi surreali

A Renè Magritte

1
Forzieri di luce motteggiano le tue
spirali dentro coppe di ambrate
seduzioni. Una danza di spilli
ha stregato per sempre il mio
cuore. L'orologio della penitenza
graffia e ritorce altri amori.
Mi lasci stremato, sulla schiuma
del sole. E ti disperdi nella
traccia amara del rossetto.
Marzo 1980

2
Fiaccole grigie si incontrano fluide
e senza meta. Gioielli dai tenui
luccichii d'astri. Non mi importa
di conoscere te. Nel vapore lascio
trascorrere i giorni. La noia distende
gli animi, inanellati di tristezza.
Non ho più voglia di uscire e
l'amore mi spaventa. La vita
è fatta di sogni ed io ho scelto
questo.
Marzo 1980

3
I fiori di luna rimangono sterili e
senza forma. Nelle luci spente,
i riflessi dello zinco, del ghiaccio
e dello zaffiro. Trecce
disciolte ricadono sul raso.
Guglie modellate da un tenue
suono di conchiglia. Ci sono
manciate di perle, bianche e
blu, finché un sorriso
cancella ogni cosa.
Marzo 1980

4
Candelieri rovesciati giacciono sul
marmo. Il lento ripetersi dei
giorni rinchiude celle piene di
stanchezza. Novità senza
fine, dai richiami freddi e dorati.
Il lavorio dei pensieri cesella
disegni dalle molte prospettive.
Lasciarsi andare, sul rotolio
degli attimi, entro gusci di

1234

0
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0