PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Dopo i calorosi bui frenanti la luce del Guru

Nello specchio dei miei sguardi spenti dove Esisti a S tenti
il volto non ha più occhi

passa in fila indiana la caro vana dei miei fantasmi

Amori
vissuti

desiderati
immaginati

non vissuti

esistenti
di vita propria

nei loro
cromatici
sogni
romantici

in tessuti
d'inconsci
infiniti geni

Il Testimone guarda immobile senza farsi coinvolgere dalla pro cessione
volge il suo sguardo al Re

mentre il vitale emotivo ne è S con volto in una luminosa
lacrima scorre
si gode il solco nel momentaneo scavato istante per istante

gioisce
nello s cavo

sapendo
intuendo
dell'immensa luce ungente

l'incomunicabile susseguente

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

11 commenti:

  • Cinzia Gargiulo il 14/12/2009 00:07
    Sei unico!...
    Un abbraccio...
  • Don Pompeo Mongiello il 13/12/2009 21:42
    Splendida
  • giusi boccuni il 13/12/2009 20:31
    molto bella questa emozione viva alla carrellata dei ricordi, mentre un'altra parte di sè ha già deciso di orientare lo sguardo verso altra nuova luce... vi è sempre una certa nostalgia ad accompagnare un nuovo viaggio verso ciò che, essendo ancora ignoto, è incomunicabile...
  • Anonimo il 13/12/2009 18:56
    .. scorre una lacrima fra i ricordi... di amori vissuti.. sognati.. immaginati?.. e gioisce nello scavo
    sapendo e intuendo della immensa luce ungente
  • Anna G. Mormina il 13/12/2009 18:17
    ... il vissuto, il desiderato Amore...
    ... bellissima!!!!
  • Anonimo il 13/12/2009 15:52
    scorrono i ricordi... sfumano i contorni... sembrano fantasmi la notte delle streghe... non portano dolore, solo turbamento... quello emozionale... che spesso... narra d'amore... vedo il mio giullare, una lacrima sul viso... vedo il suo signore con una mano al cuore... confondo le figure... dove il mio giullare... quale il suo signore... scivola una lacrima ma non il desiderio di continuare ad amare...
    BELLISSIMA, bellissimo sogno, grazie.
  • Dolce Sorriso il 13/12/2009 14:56
  • Kartika Blue il 13/12/2009 14:49
  • Giuseppe Bellanca il 13/12/2009 14:12
    Bellissima, intensa, si legge tutta d'un fiato coinvolgente... bravissimo Vincenzo.
  • Anonimo il 13/12/2009 13:28
    senza occhi sognare amori... svegliarsi sognando di sognare ancora... e ancora... anche con le lacrime... si ama
    bellisima!!!!
  • Anonimo il 13/12/2009 13:11
    Il Testimone ha ragione.. non deve farsi coinvolgere.. restare fedele a se stesso, eviterà l'incomunicabiltà susseguente.. e il dilagare del dolore

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0