username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Morte d'un piccione

Un piccione che si dibatteva sull'asfalto
ho visto a sessanta all'ora
per poco non lo investivo
con la mia ruota di sinistra
la radio continuava a cantare d'amore
mentre il mio occhio
fisso sullo specchietto retrovisore
vedeva un'ala tremate
lottare per invitare il corpo abbattutto
all'ultimo scatto d'orgoglio
ho tifato per il piccione
poi l'accelerazione di una macchina grigia
dietro la mia ha avuto la meglio
su quell'animalesca disperazione
l'ho vista centrarlo in pieno
l'ala divenne tutt'uno con il resto
la curva che imboccai un istante dopo
fu provvidenziale
dopo aver alzato il volume
cambiai stazione

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

11 commenti:

  • laura marchetti il 11/02/2010 18:33
    ... straziante, è emblematica dell'indifferenza che ci circonda...
  • Vincenzo Capitanucci il 15/12/2009 00:40
    La morte da sempre dolore... qualcosa in noi cambia...

    Bravissimo Salva...
  • loretta margherita citarei il 14/12/2009 21:56
    succede a volte, piaciuta
  • Don Pompeo Mongiello il 14/12/2009 21:23
    Pur triste la morte di un tale esserino, ma descritto in modo veramente bello da una penna che ci sa fare.
  • Kartika Blue il 14/12/2009 15:54
    mi spiace per il piccione però mi piace molto la tua poesia!!
  • Fabio Mancini il 14/12/2009 12:04
    Morte d'un piccione viaggiatore? Non angustiarti, non è stato un atto voluto, ma accidentale. Buonagiornata, Fabio.
  • Anonimo il 14/12/2009 11:09
    penso che quando si ha fatto il possibile per evitare un disagio... le conseguenze derivate da terzi non si possano evitare e tanto meno prevedere... però è già gran cosa cercare di non crearne noi in prima persona... se facessimo più attenzione e non solo per un piccione... molto bella, fa pensare. grazie.
  • Anonimo il 14/12/2009 09:56
    Povero piccione...
    cambio stazione...
    un abbraccio
  • Jurjevic Marina il 14/12/2009 09:51
    Mannaggia Salvatore... bella la poesia, ma mi viene la pena.. La prossima poesia me l'aspetto solare!!! Fiori, carezze, baci!! Niente animali morti!!
  • giampaolo marcialis il 14/12/2009 09:50
    A volte capita a tutti di voler evitare un volatile, a volte ci riusciamo, a volte purtroppo è la macchina che ci sta dietro
    a centrarlo, hai fatto bene a cambiare stazione. A volte ci prende anche la dsperazione, ma come sai la vita continua.
    Voto cinque stelle.
  • Anonimo il 14/12/2009 09:45
    Ottima Salvatore. Un saluto, Giuseppe.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0