PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Naif

Son tutte lì le tue parole avvezze
nel solito macello a gocciolare sangue
appese ad una ad una come sgozzanti agnelli
rapite un dì nel dì dall'io naif
all'ombra di un Pinocchio e fiabe spinte

Fusti secolari spiccano magnifici
mentre i rimpianti colano pesanti
eserciti di piombo eseguono puntuali
ordini esemplari.

Un giorno farà fede solo il passato
e i vapori dei crateri ancora vivi
leggeri veglieranno sopra i declini.

È dal nulla che nascono le idee
solo dal grano crescono speranze.
La certezza è una e inequivocabile
quella di non possedere nulla
poiché il nulla solamente ci appartiene.

 

0
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • Anonimo il 14/12/2009 19:32
    Il nulla agli atomi che s'inseguono... a noi, i campi di grano da coltivare con gioia umana... lasciami almeno sperare,
    Maddalena
  • loretta margherita citarei il 14/12/2009 18:40
    ottima scorrevole ben scritta
  • Anonimo il 14/12/2009 16:27
    mentre i rimpianti colano pesanti... e per non averne... riflettere e seguire la strada del cuore... a volte distante dalla mente... altre dai sensi, ma forse l'unico modo per non avere... troppi rimpianti... affidarsi a se stessi, credo sia la cosa migliore... non si corre il rischio di recriminare... quando al nulla torneremo,è vero,è lì da cui arriviamo... in principio era il nulla... bella, mi è piaciuta molto.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0