PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Lo spirito

Vieni amico mio, siedi,
non ti occorre una sedia.
Parlami e spiegami: perchè?
Fuoriesci da un caffè
e dalle note di Grieg.

Vattene, inutile spirito,
sei nella mia testa,
balli con il fumo
di una sigaretta spenta.
Malvagio, perfido.

Purtroppo sei utile,
malvagio, splendidamente
sporco, vaneggi il tuo
essere assai importante.
Dai l'illusione di esser
lontano da me, non è così.

Cantore della bugia,
non fare l'amore con i
pensieri troppo lontani.

 

2
7 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

7 commenti:

  • Francesco Garofalo il 30/06/2010 17:56
    molto bella veramente bravo
  • Marco Ambrosini il 17/01/2010 18:25
    fa riflettere... lo spirito che di norma raffigurerrebe la purezza umana ne contiene la malvagità... quindi c'è l'impossibilità per l'umano di essere una creatura del tutto buona
  • alessandro magno il 03/01/2010 13:09
    molto bello l'accostamento dello spirito alla cattiveria insita nell'essere umano, il continuo conflitto tra il proprio essere e il proprio ego, complimenti
  • Donato Delfin8 il 21/12/2009 15:45
    Piaciuta
  • Anonimo il 14/12/2009 21:33
    sarà anche distrazione... ma quella sigaretta quante volte una persona se la gira tra le dita... poi la butta pensando di averla fumata e rimane sulle dita quell'odore acre... pungente, o forse e solo l'aroma del cuore... bellissima, davvero bella
  • loretta margherita citarei il 14/12/2009 18:31
    ottima riflessione
  • vincent corbo il 14/12/2009 17:53
    Come sempre una bellissima riflessione sulla natura umana.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0