PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Salute pubblica

La salute manca, terribile
e tu che cercavi di diventare, temibile
manco i dottori hanno accertato
che tutto quello che hai addosso sia stato trovato
e quindi, che faccio?
mi sparo una ceres sotto il braccio
e sbevazzo, alla faccia dei dottori
fanculo anche ai tumori, a tutti i problemi
ormai ragiono come se non ci fosse un domani
e ieri, dove andavi, silenzio
mi gratto la spalla e ci penso
alle stronzate, tutte radunate
in prima fila, che salto
il flashback mi fa volare alto
mi esalto, del nulla
tanto quello che è stato è stato
e non torna,
aggiorna
la mente al cambiamento
le solite cazzate con gli amici
non bastano come lamento
Ripongo una serie infinita di domande
che palle, sempre le stesse lagne
che parlano piano piano nella notte
mentre nella case la gente fa cose zozze
e i figli dei figli sono in giro
magari col mercedez tutti in tiro
sono tutti sotto tiro nel mirino
perchè tanti in casa hanno un bambino
da sfamare, e non importa se vai al ospedale
perchè hai voluto esagerare,
perchè hai continuato a comprare,
pippare, calare, e non mi infamare
con tua madre...
È sempre cosi' ogni anno,
la mia generazione paga il pegno
di non combattere nessuno guerra per il regno
comunque, la tassa è ancora più alta
ed ogni sera qualche testa salta
da un parabrezza, da una finestra, sotto una cassa
Non cè limitazione alla mattanza,
e cè chi se ne scappa in vacanza,
con l'incasso,
dei morti, ormai sordi
che fanno una fine da codardi...

 

0
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:

  • Anonimo il 15/12/2009 14:06
    ballata degli sconfitti... mi piace molto.. alla Kerouac

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0