username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Odore di polvere

... poi vennero gli sciacalli al bivio delle indolenze...
un kamikaze... sfiorò i miei capelli senza chiedere perdono nè occhi di ricambio...

Erminia, a metà della mia vità, diceva:tu sei un'entreneuse des cheveux noirs...
adesso... sul biondo scettro dell'ultima sosta... mi arrendo

Riposare le ossa e le ali... le ossa e le ali...

Ma quale inverno lascia sorrisi sulla bocca dei diseredati...
e quale primavera sciivola di bocca in bocca sulla bocca degli annegati..
Il mendicante vende sguardi all'ultimo bivio delle trattative...
io brevi silezi e lunghe attese.

Aspetto con indolenza il tempo della misericordia
qui, adesso, con un taglio sulla fronte
e la faccia a riposare...
qui, adesso...
Su questo tappeto di polvere.

 

1
3 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Don Pompeo Mongiello il 10/10/2016 16:25
    Un plauso sincero e dovuto per questa tua bellissima.

3 commenti:

  • dori dipo il 22/12/2009 06:13
    la polvere va odorata e masticata. diritto rovescio del poeta. per misericordia di stagione.
  • Vincenzo Capitanucci il 15/12/2009 17:44
    Bellissima... Sandro... brevi silenzi... e lunghe attese...
  • loretta margherita citarei il 15/12/2009 15:07
    ottima

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0