accedi   |   crea nuovo account

Insonnia

Tra un ingorgo di anfratti, di parole
la cercherò in mille volti su mille donne
anche se non avranno il suo nome
I capelli immensi e l'immenso amore
tra mille colori e cento mila donne, persone
che negli occhi non avranno mai quell'impressione

In un attimo portò via il mio cuore su un arcobaleno
Mai avrò
i suoi occhi e le mie parole
e quell'emozione
dentro e fuori
all'infuori di lei..

Fino a farmi diventare lei
e viceversa
farmi diventare cenere di niente
Niente.. sempre
così

Come un pomeriggio di neve
quando la natura
di una donna e del suo sangue
ritrova se'
e si può amare tra le lenzuola
Facemmo l'amore
un po' per noia e per scherzo
ci trovammo bagnati e
saziati dall'amore

Una forza a letto mai vista
che io non ebbi mai
non era sesso ma la forza dell'amore
il suo corpo era mio..
la mia terra, la mia
America di Colombo

Come se avessi perduto
un'altra volta la mia verginità
non avendo perso niente

Trovai l'amore ma così per Dio
era troppo facile.. e me lo tolse
Perchè per forza
se trovi qualcosa
devi perdere il relativo
e' così, è così... e' così
ma.. Grazie di esistere

 

l'autore giuliano cimino ha riportato queste note sull'opera

riflettendo una sera di aprile del 2008, su di me su di lei su cosa abbiamo vissuto, vi è mai capitato di perdere la verginità due volte? a me sì, è bellissimo


0
4 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Don Pompeo Mongiello il 20/10/2016 09:38
    Impossibile, eppure ti ritenovo puro, non ho parole, se non quelle che te ne freghi di questo sito.

4 commenti:

  • Tim Adrian Reed il 04/02/2010 21:01
    complimenti, alcune parti sono davvero belle.
  • Antonietta Mennitti il 17/12/2009 07:28
  • giuliano cimino il 16/12/2009 18:13
    grazie mille, ma tu sei più bravo, io non avendo studiato molto, come quando mi visita qualche professorino e mi ammazza con i suoi commenti, tu si vede che hai un altro stile, le tue parole entrano dentro sei ungarettiano, io invece scrivo solo robe "canzoni" semplici.. un saluto.. e se scrivi un libro chiamami ^_^
  • Vincenzo Capitanucci il 16/12/2009 12:29
    Trovai l'Amore... ma il vento spinse... la mia cara vella... verso un vello... ancor più lontano...

    Molto bella.. Giuliano...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0