username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Per mia nonna

PER MIA NONNA

È tutto qui il tempo della mietitura che passa,
Ancora qui, tra i due muri che restano
Della mia casa.

Fogli dispersi, storie della noia
E la polvere che copre il tempo che cerco;
Tutte le donne lombarde di un tempo avevano
Le mani screpolate,
Perché lavavano i piatti a mani nude
E strofinavano con troppo amore.

Loro stanno in tutte le storie che vado ricordando,
Come se potessi rendere più grande il mio respiro
E i loro volti.

Io non parlerei che di un immenso acquario,
Di una pianura in cui vivere.

 

1
5 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Don Pompeo Mongiello il 16/05/2012 18:47
    Un modo di scriver poesia come ai tempi dei nostri grandi.

5 commenti:

  • Emiliano Francesconi il 02/04/2014 22:41
  • vincenzo aruta il 30/05/2011 19:32
    nostalgica rievocazione del tempo che fu, in cui spiccano le figure delle care lavandaie
  • Anonimo il 05/08/2010 13:12
    Una poesia formalmente ineccepibile, ma soprattutto evocativa e sognante, e piena di sentimento. complimenti sinceri Paolo
  • augusto villa il 27/11/2006 14:48
    Figure, per chi le apprezza intramontabili, ricche della loro saggezza... immagini che mi riportano all'infanzia... Commovente... ed... intensamente bella! Ciao!
    Augusto
  • sonny sastri il 24/11/2006 11:59
    trasmette un enorme affetto per una di quelle persone che molti dimentichiamo ad un certo punto della nostra vita.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0