PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

A MIA MOGLIE

Quale lama può tagliare il filo,
distorcere il tuo profilo, le locandine delle tue virtù
che mi impediscono di dimenticarti?
Le frasi di un amore tanto testardo
Pieno di cenci, di pedine mosse male
di quello che non vale di ascoltare?
Il mio non è codardo come chi mente.
Guarda lo specchio : brulica la tua faccia
d’insetti e di serpenti.
Il secchio delle nostre anime
gocciola da qualche parte
ma ne raccoglierò le tracce,
riponendole dopo averlo riparato.
L’uomo che hai amato e tanto ami
pagherà il debito insolente e andrà via.
È il presente nascosto, non il passato ;
Come il dente caduto dà lacrime a un bimbo,
un altro, saldo, prima o poi le asciuga ;
Non vado più a ritroso né più avanti.
Solo i pezzenti svuotano le mano
per riempirle ancora.
Io solo di te le ho riempite
Ti ho stretta forse troppo, e lo farei in eterno.
Ora, nell’inverno delle tue follie,
credi che sia l’opposto distruggere poesie
alle libertà profuse o alle incerte vie.
E le mie lacrime, di contro, per te gioiose
Se tanto vuoi, scioglieranno la morsa :
lunga appendice di monografie tediose.
Libera nel vuoto, danza immotivata,
melodia da tutti sconosciuta,
dessert stantio, ultima portata
nel prosaico del tutto e del tuo niente.
Ladra saccente, brillante vanesia.
La follia in un piacere folle :
gli abiti che cingi chi potrà alterarli?

 

0
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • Lampidibuio il 11/01/2007 17:04
    un sentire e un vissuto che accomuna...
  • Jean-Paul AMENTA il 06/12/2006 16:43
    Doux regard dans le miroir du passé. Ciao. JP

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0