username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Rapirti

Sono stato invadente, curioso e insistente.
Sono stato insicuro, ottuso e impertinente.

L'ho fatto nel vano tentativo di capirti.
L'ho fatto nell'illusione di rapirti.

Sarò chiuso in me stesso per un pò.
Sarò tentato di chiamarti... non so.

Se è stata solo una debolezza, avrei voluto saperlo.
Se è stata una perdita di tempo perchè non dirlo?
Se hai provato un sentimento non ucciderlo.

Paura di ferirmi?
Paura di farmi del male?
Così non cambia,
così sto uguale.

Forse avevi TU paura... forse.
Mi fa rabbia precludere e ghettizzare un sentimento forte.
Vorrei parlarti senza parentesi e incisi con chiarezza,
quanto vorrei una carezza.
In me trovi anche te.

 

1
5 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

5 commenti:

  • claudia checchi il 19/12/2009 16:46
    molto bella.. tentare di capirla con l'illusione di rapirla... complimenti massimo... claudia.
  • Aedo il 19/12/2009 15:02
    Esprimi nella poesia sentimenti molto intensi. Bravo!
    Ignazio
  • loretta margherita citarei il 18/12/2009 17:52
    originale la forma
  • Anonimo il 18/12/2009 17:49
    L'ultimo verso è davvero una potente dichiarazione d'amore.
    Basterebbe lasciare uno spiraglio aperto
    per essere inondati di luce..
    ma il cuore,
    a volte
    si rintana isolato
    in un angolo buio
  • Anonimo il 18/12/2009 16:10
    bella, lascia dietro se una scia di velata malinconia... forse perché a volte non ci sono risposte per tutte le domande... molto bella davvero. un sorriso.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0