PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Ce lamentamo sempre ma poi che facemo?

A chi me dice:
"Dove jirrà
a finì lu munnu
e che nun vidi?
A cattiveria, a gnoranza,
l'amore quillu veru,
sinceru,
quillu che nun è meschinu
a dò sta?"
Accuscì ja rispunno:
"Amici mja,
lu munnu
è cuscì bruttu,
perché ce stemo nui
che discorremo,
discorremo
e nulla poi facemo.
Basteria levasse
lu pilu dallu core,
stenne na manu.
offrì un cicurillu
d'amore
Ma nun vedete?
Lu sole, sci,
nasce gni mattina,
ma allu tramuntu
mica e veru
che more!"

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

10 commenti:

  • Donato Delfin8 il 20/12/2009 11:59
    Sempre brava in vernacolo. Poi nel tuo sei bravissima.


    ps: un pochino='n cicurillu ... Campano = TANTILLO
  • loretta margherita citarei il 19/12/2009 21:49
    questo è il dialetto spoletino, umbro. la u finale fa pensare al sardo, ma non è così.
  • Don Pompeo Mongiello il 19/12/2009 19:39
    Bellissimo è il tuo tentativo nello scrivere dei dialetti che non sono tuoi, pensa che pur avellinese di nascita e romano di adozione, e napoletano per amore, non scrivo bene nessuno di questi tre dialetti, belli e cari al mio dolce rimembrar.
  • Antonietta Mennitti il 19/12/2009 17:09
    Piaciuta... salvo alcune parole che no ho compreso!
  • Giuseppe Bellanca il 19/12/2009 15:44
    Come spesso ti dico in questa tua veste di poetessa dialettale mi affascina tantissimo, le tue poesie sono ricche di significato e mi piacciono molto...(non ho capito solo "cicurillu" cos'è?) io ho tolto daun po' i peli (sono diventato calvo eheh) un forte abbracio mia cara amica...
  • Anonimo il 19/12/2009 00:14
    Eh già, il sole torna "gni mattina"... facciamo tornare anche l'amore,
    e senza peli sul cuore.
    Granduchessa degli Spoleti, questa veste dialettale mi garba assai
  • Anonimo il 18/12/2009 23:17
    saggezza allo stato puro... una sorgente questa tua poesia...è propiro vero ci si lamenta tanto... si parla troppo e pensare che basterebbe veramente poco, non dico... risolvere tutti i problemi del mondo... ma incominciare a renderlo un pochino meno oscuro... del resto il sole va solo a riposare... che poi anche questo non è vero... però mi piace continuare così a sognare... del sole che va a coricarsi... delle stelle che rincorrono le nuvole e della luna che esaudisce i desideri raccogliendo i sospiri degli innamorati... e se mi riesce donare un poco di questa leggerezza nello stesso modo in cui tu doni tanta saggezza... molto molto bella.
  • Marcelllo Barbuscio il 18/12/2009 19:02
    Scusami... ho sbagliato nel darti il voto!! Perdonami
  • Marcelllo Barbuscio il 18/12/2009 19:01
    Saggezza che scompare dietro l'ansia da prestazione di successo; e il mondo va a rotoli... senza freni inibitori, e chi più ha più pretende. Grande riflessione di verità, cara Loretta!!
  • Fabio Mancini il 18/12/2009 18:21
    Molto carina. Ciao, Fabio.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0