username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Ballata del calesse

Calesse abbandonato
riverso e rovesciato
la polvere ti mangia,
il tempo ti divora.

Ma non sai, non noti
il mio stupore
vigliacco ferisce la memoria
quando era verde
la traccia delle tue ruote.

Balzi istantanei e fughe perdute
tra legno e sassi
risvegli l'amaro ricordo,
sei pigro artefice,
ai miei occhi stanchi.

Fosti albergo di lacrime
e pausa d'oppio tra lacere cortine,
timido calesse
ora il vento sferza le rotte briglie
i crini non mormorano più.

Povera anima,
l'ora divora il tuo spasimo
vorresti ma non puoi.
il tuo segreto è nascosto
tra i raggi freddi
il mio, tacerà sempre con te.

 

0
6 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

6 commenti:

  • loretta margherita citarei il 19/12/2009 21:37
    ben scritta ottima
  • Kartika Blue il 19/12/2009 16:28
    che classe!!
  • Aedo il 19/12/2009 15:05
    Con buona vena stilistica descrivi il tuo viaggio nella memoria e nell'interiorità, attraverso un vecchio calesse. Bravissima!
    Ciao
    Ignazio
  • pippi calzelunghe il 19/12/2009 14:51
    una bella scelta di parole, la rende particolare
  • Salvatore Ferranti il 19/12/2009 13:33
    bella poesia
  • Auro Lezzi il 19/12/2009 13:05
    Bella quest'accostamento alla vita che passa...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0