PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Sanguinavo e piangevo

Nuoto
nell'abisso dell'incoscienza
Naufraga di dubbi
... tempeste di cuore...
Spine
Mi hanno ferita di spine
e sanguinavo e piangevo
a spalle voltate
dalla superficialità
Io-sola
il cuore a pezzi/
ma nessuno vedeva.
L'ingenuità
di essere se stessi.

 

0
7 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Don Pompeo Mongiello il 16/02/2016 07:15
    Piaciuta ed apprezzata questa tua bellissima!

7 commenti:

  • sara rota il 27/06/2007 09:06
    Un po' troppo scoragginate e triste, però ben scritta.
  • sergio vassetti il 24/11/2006 00:33
    Massimo rispetto per il contenuto emotivo.
    un po' scontata a mio avviso nel complesso.
  • miryam maniero il 21/11/2006 22:41
    argeta sento molto questa tua poesia... vera x chi è vero!
  • cinzia bucolo il 21/11/2006 20:00
    tanto dolore attraversa dei versi che lo rendono ancora più pesante a chi legge ; brava bravissima la tempesta che invade l'animo umano ti ha travolta e tu sei riuscita benissimo a falcela vivere. bella
  • Antonio Pani il 21/11/2006 08:22
    Molto intensa e "forte". È un attimo immaginare e vedere la scena che descrivi. Mi piace molto, brava. Essere se stessi, spesso essere o sentirsi soli, a questo mi fa anche pensare questo scritto. A presto.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0