accedi   |   crea nuovo account

La fattucchiera degli angeli

Pioggia di miracoli impiccati
alla corte di re ubriachi
che cercano vergini spose da sacrificare
poi per un regno in eterna guerra

Sale il mare e ingoia la fame,
speme che canta senza ingordigia alcuna
cercando onde da acclamare
e da distruggere contro scogli
e derive di scheletri naufraghi

Amanti di navi che solcano gli oceani
di universi senza pianeti
Amanti di quelle divinità
che nuotano nel lembo di uno straccio
che accoglie fra i suoi tessuti di braccia
il silenzio dei viaggiatori

Voglio ora stoppare
questa processione di anime
che come fantasmi
sussurrano incubi
alle orecchie di chi ancora cammina
seguendo la via di un sogno
Mi metteranno a rogo?
Come fattucchiera che non ha più usato
vender bugie di filtri
elisir che donano il veleno dell'ebbrezza...

E così nel fuoco
l'ultima parola sarà persa
come ultima nota di una melodia
che riusciva a toccare le piume degli arcobaleni

 

1
9 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

9 commenti:

  • Dolce Sorriso il 23/04/2010 22:28
    sono rimasta a bocca aperta...
    piaciutissimaaaaa
  • Anonimo il 21/01/2010 14:40
    veramente bella, sono pieno d'ammirazione, grazie per questi versi!
  • Vincenzo Mottola il 22/12/2009 16:15
    L'indesiderata verità, l'odiato spirito sognatore. Gli uomini rifuggono certe cose, le temono, soprattutto chi su di esse costruisce imperi, accampando scuse, giustificandosi col presunto male che esse portano. Ben fatto, ancora una volta mi sei piaciuta, tanto più che il tema è lo stesso della canzone di un album che ho comprato di recente. Sarà il periodo dei roghi e delle streghe? Comunque brava, brava.
  • antonio castaldo il 21/12/2009 10:05
    troppo bella! me la tengo!
    kiss
  • Giorgia Spurio il 20/12/2009 21:21
    veramente grazie
  • Anonimo il 20/12/2009 20:50
    guerriera... indossa vesti delicate... il coraggio della ribellione ad un sistema dove l'aridità è unico signore e padrone...
    al rogo... se dei roghi fosse il tempo... avrebbe Prometeo donato ancora all'uomo qualche scintilla di quella coraggiosa dama per riportar la luce in questo mondo che si sta sempre più oscurando...
    molto bella, davvero molto.
  • Free Spirit il 20/12/2009 15:19
    In vampe d'arcobaleno ardono in roghi d'ebrezza, amanti che solcano divini tessuti di braccia
    Versi liberi e surreali, piaciuta la tua poesia
  • Giorgia Spurio il 20/12/2009 11:53
    grazie...!

    troppo gentile..

    grazie, loretta...
  • loretta margherita citarei il 20/12/2009 11:30
    ottima la tengo

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0