accedi   |   crea nuovo account

Se vuoi puoi chiamarlo amore

E se vuoi puoi chiamarlo amore.
Sarà la lunga assenza dell'abbandono.
Un mattino caldo che risveglia,
sarà l'oblìo,
questa voglia.
E luce chiara che scintilla,
nel buio.
Come pioggia nel mare leggera e sottile, non fa rumore.
Come tempesta infinita irrompe, tormenta, assale.
Come il silenzio che sposta i ricordi e fa spazio nel tuo cuore.

 

0
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • Anonimo il 21/12/2009 00:14
    Oggi ho letto tante belle poesie... e ancora con la tua mi trovo ad emozionarmi...
  • pasquale radatti il 20/12/2009 18:01
    Malinconica poesia sull'amore... molto bella
  • Auro Lezzi il 20/12/2009 12:33
    Senz'altro la chiamo poesia--

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0