accedi   |   crea nuovo account

Giovanni Evangelista

Oh giovinetto Giovanni
mio diletto!
Con la tua fede
e lo tuo amore
immenso
per un omo
fra li omini,
che pur rivoluzionario
considerato fu
da lo Sinedrio
come
da le genti
d'ogni sorte
e fede,
dato avresti
lo capo
e lo core tuo.
Pur di
non vederlo
così
maltrattato
deriso
offeso,
et al fin
su quella nuda croce
inchiodato
fino a quando
lo suo ultimo
respiro
esalato
fu.
Una sola
lacrima tua
bastò,
a li piedi
di quella croce
cadendo
a far germogliare
un fiore
di vita nova.

 

1
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • Anonimo il 24/12/2009 19:53
    Fede speranza e carita che possano attecchire in ciascuno di noi.
  • loretta margherita citarei il 21/12/2009 22:18
    bella bravo
  • alice costa il 21/12/2009 14:30
    .. insieme alle sue lacrime anche quelle delle donna che sono lì sotto la croce e che lo hanno in diversi modi amato...
    quel germoglio è arrivato... fino a noi...
    bravissimo... molto, molto bella
  • Anonimo il 21/12/2009 13:40
    quando la fede è pura e non ha nulla da condividere con il fanatismo... semina il bene e raccoglie l'amore, anche a costo di soffrire e veder soffrire, ma continuando a generare solo amore...
    molto, molto bella, grazie.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0