PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Che freddo

Che fridd!
Maronna mia, che fridd!
Meno dieci,
ma che stamm in Siberia?
Pare ca tutt'a neve do munno
s'è dat'appuntamento
pe congelà o Natale.
Però, è nu spettacolo.
Na scenografia
ca manc'o meglio Architetto
puteva crià.
Sarrà,
però che fridd.
Manc'o riscaldamento
me riesce a scarfà.
Me sò n'dustato
comme o Baccalà.
Mò me spoglio e me cocco;
la mia metà s'è
già cuccata,
trov'o lietto ascarfato.
Me metto... sott sott...
Sperammo però,
ca sentennes'abbracciata
nun capisce na cosa pe nata.
Cu stù fridd
a forza chi mmà dà.

 

1
6 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

6 commenti:

  • Ezio Grieco il 06/01/2010 22:45
    .. iniziamo il nuovo anno...
    ... grazie Patty, Vincenzo, Filippo, Lorettina, Anna Maria, grazie e tantissimi auguri per un felicissimissimissimo 2010!!!!
    mike
  • Anna Maria Russo il 30/12/2009 13:37
    divertente specie l'ultima parte
  • loretta margherita citarei il 22/12/2009 15:44
    già tieni o fridd figlio do o sole, bella maike baci
  • Anonimo il 22/12/2009 15:29
    Divertentissima! 1 saluto
  • Vincenzo Scognamiglio il 22/12/2009 12:08
    Anche tu napoletano in terra lombarda? Comunque disagi a parte è vero, uno spettacolo magnifico.
  • Patty Portoghese il 22/12/2009 10:54
    Carinissima in questo dialetto per me familiare! Ahahha, auguri di Buon Natale!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0