PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

In un'immagine

Mi riconosco esule
salice di uno spettrale giro
autunnale
oscillando al sonno di questo paese
sereno e morto,
le iridi librate dagli
astri
e d'improvviso giganti erranti,
il mistero morbido
d'amore
e supplichevole la luna,
mi lascio appassire da un canto in penombra
e come un pendio
d'ossa m'affanno
in una gemma
deserta.

 

0
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0