username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Il morbo che fa tremare

Sento un movimento inconsulto
che poi diviene ritmico
sul mio braccio destro
una vecchia che conosco
mi ha preso a braccetto
l'aiuto ad attraversare la strada
come un bravo scolaretto
è inquieta
ha lo sguardo triste e rassegnato
di chi sa che è quasi finita
lo intuisco da come parla
da quel che dice
il morbo che fa tremare
l'ha presa
qualche anno fa
una sera all'improvviso
prima piano
con dolcezza quasi
come fosse un nuovo compagno di vita
poi i mesi l'hanno accelerato
in un insensato movimento di mani
che di stare ferme
non vogliono più sentirne parlare
neanche a pagarle oro
il viaggio è al capolinea
dalla porta di casa mi saluta
ringraziandomi
tre o quattro volte
più del necessario
quando mi allontano
sento ancora il formicolìo al braccio
come se quella mano
non si fosse mai staccata
e continuasse ancora a vibrare
vibrare
vibrare...
fino a far saltare in aria
il mio piccolo mondo

 

0
8 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

8 commenti:

  • Kartika Blue il 24/12/2009 10:02
    Triste e bellissima!!
  • Patty Portoghese il 23/12/2009 17:55
    Stupenda condivisione del dolore del prossimo... che altro dirti se non... encomiabile!?
  • una primula il 23/12/2009 16:58
    Molto triste, ma ben scritta e intensa come contenuto.
    Buon Natale
  • Anonimo il 23/12/2009 15:02
    quando il dolore degli altri diviene il nostro... quando le loro paure, i loro turbamenti trovano nel nostro cuore un confortante giaciglio... in quell'attimo di condivisione abbiamo donato un poco di sollievo...
    Bellissima e commovente, Grazie Salvatore, sai aprire sempre la mente e il cuore di chi ti legge per darsi... per donarsi...
    Grazie davvero.
  • Auro Lezzi il 23/12/2009 12:54
    Da vera commozione Salvatore.. Che voglia di partecipazione che trasmetti..
  • Maria Gioia Benacquista il 23/12/2009 11:10
    Quando percepiamo la sofferenza degli altri, il mondo sembra crollarci addosso.
    Compagne di vita, la sofferenza e la malattia, che segnano le ore, i giorni e forse ci legano ancor di più alla vita...
    Bella riflessione.

    Buon Natale!
    Gioia.
  • Vincenzo Capitanucci il 23/12/2009 10:40
    Un Tremolio d'Amore... fa saltare il Mondo...

    Bellissima Salvatore... ed io ascolto quello che le Sue povere mani... dicono...
  • Anonimo il 23/12/2009 09:24
    Temere la malattia.. si da per scontato che certe cose a noi non capitano ed è la cosa più sbagliata che ci sia!!
    Fa riflettere, bravo Salvatore...
    un abbraccio

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0