PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Natale

Brucerò i tuoi occhi ed il tuo viso tra le ceneri di un nuovo natale
E così tra i fumi e il fuoco non avrò più nulla da ricordare
Pronto per tuffarmi tra le luci di una nuova ipocrisia
Per mescolarmi tra questa gente di belle parole così bella fuori
Che incrocio per strada che dentro marcisce e vogliono che festa sia

E quindi lo chiamano natale e quindi vogliono festeggiare

Ho fatto a pezzi il mio albero, legna buona da bruciare
I pastori del mio presepe dormono e nessuno li può svegliare
Perché il freddo li ha sorpresi e la testa gli è stata mozzata
Aspettando che almeno il bambino noti se qualcosa è cambiata
Che qualcuno in questo momento la smetta di dire di essere buoni
Le facciate di perbenismo ci hanno già rotto i coglioni

E adesso chiamatelo natale, e adesso provate festeggiare

Ho visto il fantasma di Allan Poe e ve lo giuro stava tremando
Rabbrividiva in questa realtà, ben più in là di quel che stava scrivendo
E allora inerpico la mia mente con serpenti di fantasia
E vi lego uno ad uno dilettando la mia pazzia
E allora è l'odio che mi pervade scagliandomi contro il resto
Perché il mio è un sentimento, non un rituale pretesto
E si smuovano poco a poco le vostre coscienze, la vostra mente
Quando si spengono le luci ciò che resta è poco e niente

Eppure lo chiamano natale, eppure son lì a festeggiare.

 

0
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0