PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Treno

Nebbie di lucciole peci
in un vortice infernale
che sfiorano fredde il magma
dei miei timpani. Si diletta
un Parigino al caldo della mia
vuota immaginazione. Infilzo
la realtà come un'Aquila verace, e
tocco le arie inorganiche a passi di lepre.
Nulla odo e d'ogni cosa son partecipe;
come l'audace fuorilegge fallisce la rupe impalpabile
e i ricordi si buttan su di lui, io
navigo fra i bui canini di un
treno.

 

2
2 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 18/11/2013 04:13
    apprezzata... complimenti.

2 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0