accedi   |   crea nuovo account

Il viaggio

Tre orientali
che Magi
detti furono,
seguendo l'astro
a coda
lo piede
posero
ne lo palazzo
de lo Erode
sospettoso,
e lingua
fuggir
de li
intendi loro,
ma accortosi
giunti
in quella Terra Santa,
in guardia
la Vergine
e lo Consorte
posero
de lo pericolo
a cui
incontro andar,
perché
Colui
che nato
era
destino
altro
aver.
Ed in terra
d'Egitto
quindi
fuggir
per salvar,
pensate l'ironia,
lo Salvatore nostro.

 

0
9 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

9 commenti:

  • Adamo Musella il 03/01/2010 11:10
    Ritrovo la storia, leggo versi di grande cultura. bravo Gneo. ciao
  • Giuseppe Tiloca il 31/12/2009 14:44
    Molto bella, oltre che religiosa e dialettale. Bravo
  • karen tognini il 28/12/2009 14:10
    bellissima... versi antichi... eccezzionale!!!
  • Ruben Reversi il 28/12/2009 14:03
    RIPERCORRI CON GRANDE INTENSITA' DI VERSI, IL VIAGGIO CHE PORTA L'AMORE NEL MONDO.
    BRAVO!
  • Antonietta Mennitti il 28/12/2009 12:52
    Bella e molto intensa!
  • Anonimo il 25/12/2009 22:12
    decisamente bella, lasci con le tue poesie... piccole perle di saggezza... sempre, davvero sempre. Grazie.
  • loretta margherita citarei il 25/12/2009 21:13
    bella pompeo auguri
  • Aedo il 25/12/2009 20:58
    Fantastica ricostruzione spirituale, Pompeo!
    Ciao
    Ignazio
  • Anonimo il 25/12/2009 20:48
    Bellissima Pompeo

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0