accedi   |   crea nuovo account

Hinterland

Ragazzotti stivaloni
elolite tacchi alti calano
fitte nebbie novembrine
a smussare gli angoli
di palazzi arancio
sotto casa mia.

Sguardi ostili
e non si passa
e se riuscissi
a scavalcare mandrie
di giubbotti fetidi
comunque...
non esisti.

Sboccate bocche
al pomodoro fumano
spietati comignoli
fiati d'acido e metallo.

Eppure
il muro basso

passo dopo passo
gioco d'equilibrio
è ancora laggiù...

Loro però
non giocano più, loro
ragazzi di strada muoiono
tutti i miei ricordi.

 

0
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0