PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Filastrocca pé chi sse lamenta (filastrocca per chi si lamenta)

Jenno cantanno
rìenno e scherzenno
co la risata llà nfaccia
doete jì girenno;
è ora de sole
è ora de mèle
pe' quantu fa callu
me spojo pe' bene;
girenno pe campi
tra ranu e granturcu
la 'orbe e lu sorge
se magnanu tuttu;
sentite signori
e signòre pe bene
cantate e riete
l'inverno mo viene;
non ve preoccupate
pe lu friddu e lu gelu
prima o poi l'annu passa
e se reschiara lu cielu;
non lamentate
delu callu e dei sordi
campate pe' vvui
felici e giocondi.

 

0
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • angela testa il 31/03/2011 16:27
    L'AVEVO LETTA BENISSIMO...
    SPLENDIDA...
  • salvo ragonesi il 18/12/2010 19:38
    bella filastrocca piaciuta. ciao Salvo. e buonNatale.
  • matteo picuti il 28/12/2009 17:06
    Andando cantando
    ridendo e scherzando
    con la risata sul viso
    dovete andare in giro;
    è ora di sole
    è ora di miele
    per quanto è caldo
    mi spoglio per bene;
    girando per i campi
    tra grano e grano turco
    la volpe e il topo
    si mangiano tutto;
    ascoltate signori
    e signore per bene
    cnatate e ridete
    l'inverno ora viene;
    non preoccupatevi
    del freddo e del gelo
    prio o poi l'anno passa
    e il cielo torna chiaro;
    non vi lamentate
    del caldo e dei soldi
    vivete per voi
    e siate felici e giocondi
  • loretta margherita citarei il 27/12/2009 20:49
    molto piaciuta, assomiglia il dialetto di rieti molto a quello ternano, daltronde rieti è vicinissima a terni