username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Ancora qui

Ancora qui, sempre inchiodato
a questo rostro
ancor da solo, sempre al mio posto
come un punto passeggero, speme al cielo
che mai cada pioggieria.
E gloria sia, al culmine
che piantino cuori e viti tra noi
e poi... che Dio urli pur quanto vuole
che non senta se a Lui duole.
ma pur sempre sia e resti in noi
almeno l'urlo di chi, a qualcosa aspira.
Gioco da sempre, ancor pur sempre
al passo dei miei quattro lai.
qui al porto dove sempre più
navi, troppo spesso non salpan mai.
Seguo la notte di luna lunera
falce che spera e fili d'argento.
L'ombra accompagno sera per sera
a lei io sarò sempre accanto.

Ancora vestito di questo buio
spaventisse l'sole se deve
sempre più in alto camminerò se necessario
ancora una volta.
nulla e poi nulla, mai, mi fermerà.
Sotterrino i tanti, riesumano i santi
in questa sudicia città di stupidi
crescan magnolie, scelgano i martiri.
Facciasi pur quel che si vuole,
mai e poi mai mi unirò con questi.
Quest'ultima decima de "la volontà"
a questo comando con me non passa e mai passerà.
Sia classe di vita a salutar chi arriva
mai sazio e mai sia, oppure che mai
s'abbassi la guardia, a questo scambio
di volontà occulte.

Proclamo! Si ribellione. Sì, la proclamo.
Che sia (per dio!) contro ignoranze
dedite e consunte.
Cristo ci resti in croce piuttosto
se questo può salvarci ancora.
Che sissia noi, almeno a sceglier, di urlar qualcosa,
ciò possa aprir valvole a consentir passaggio
tra le nostre dita,
delle parole alle libertà, più semplici di vita
all'obbligo spazio tributo inutilmente, perduto.
Nulla e poi nulla mai sia vietato
in questo mondo di ladri, nichilisti, poveri, ignoranti
questuanti del nulla e benpensanti arricchiti.
E preferisco allor come son io,
di non dover chieder nessuno mai,
perché ricco sono di mio quando scrivo
e mi lascio trasportare come adesso,
onesto nel cuore che si spande
nell'aria straordinaria e intellettuale
di questo eterno, mio e solo mio,
indimenticabile mattino, ch'è così ch'è...

la mia vita.

 

0
6 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

6 commenti:

  • Fernando Biondi il 04/01/2010 19:24
    un sano urlo di ribellione, contro il pensare luogo comune, sempre pilotsto e gestito da chi si ingrassa sulla pelle degli altri.
    per far trionfare il proprio essere, il proprio desiderio di libertà.
    fiero e cosciente, della sua vita, bellissima poesia, un saluto fernando
  • Anonimo il 01/01/2010 09:52
    Buon Anno Fabio... la vita del porto... l'ho fatta anch'io... probabilmente con altre mansioni. Ciao
  • Aedo il 31/12/2009 11:47
    Tante sono le difficoltà che incontriamo lungo l'itinerario della vita: l'importante è credere sempre in se stessi e andare avanti.
    Buon Anno!
    Ignazio
  • Anonimo il 27/12/2009 23:17
    nella forza interiore trovare il coraggio di non mentirsi, di guardare la vita con la fierezza negli occhi, senza lasciarsi ne spezzare ne tanto meno trascinare dal pensiero comune... spesso pilotato dalla manipolazione del potere... quella forza che urla al mondo la propria ribellione... la propria individualità... nella necessità comune di riacquistare la propria libertà... partendo da quella interiore... un buon punto da cui partire...
    molto bella Fabio, davvero molto bella.
  • loretta margherita citarei il 27/12/2009 21:36
    ben scritta ottima
  • Anonimo il 27/12/2009 21:21
    Bravo... un sano bello sfogo. Piaciuta.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0