PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Filtri che stringono

Dal triangolo della morte
nel vortice chiuso
sempre allo stesso piano
e non si retrocede mai,
con il vento che fischia
e le orecchie che torturano
il cervello,
un tubo infetto che scarica
il veleno
della coscienza.
Gli occhi scarlatti,
incandescenti,
guardano sbriciolarsi
certezze e sicurezze
impregnate ormai nel passato,
come sfregio sulla pelle.
Il tesoro nascosto, la stella direttrice
non si trova e non si vede
forse perché il filtro del cuore,
è stretto in una morsa di sterco
tutto il liquido
che da fiamma alla vita,
ormai brucia anche loro.

 

0
0 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0