username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Navi al contrario

Sei lancia
sfondascudo,
cosa ti costa
essere puro
e rassegnarti
al mio mondo
sfondoscuro?
Solo i tuoi lampi
farebbero giorno
e poi non voglio
il sole.
Che ne sai di ciò che è lontano?
Strade senza fine
in un deserto immenso,
vicoli che sanno di piscio,
dedalo al sangue...
e tutto il sesso
che mi hanno offerto...
Tu che ne sai?
Dei cani che mi porto appresso
mentre cerco le stelle
ricomporre gli atomi che trattengo
...
Tu che ne sai?
Delle lingue che invento
quando voglio esprimere il silenzio
se poi annunci la guerra
con arma distruttrice di massa,
le barricate in frantumi,
i cancelli sbarrati,
i corpi dilaniati sul piano
e la tua forza farsi bella
nel mio castello...
Tu che ne sai
di ciò che dico
se mi porgi la chiave,
sì, che fa male
essere fragili
come un uccello
senza una nota.
Senza una nota
sempre stonata.
Tu che ne sai...
neanche una risposta
alla domanda più spietata.

 

0
5 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

5 commenti:

  • Giuseppe Tiloca il 30/12/2009 14:46
    Mi è sembrata un po' complicata, mi è anche piaciuta.
  • loretta margherita citarei il 28/12/2009 14:53
    ottima, originale
  • Kartika Blue il 28/12/2009 14:20
    bellissima, bravissimo!!
  • Patty Portoghese il 28/12/2009 14:15
    Particolare nei versi e nella tematica... molto piaciuta!
  • Anonimo il 28/12/2009 11:55
    Accettami... per come sono, cosa ti costa entrare nel mio mondo... cosa ne sai se per esprimermi invento strane lingue,
    per raccontare di tutto quello che ho vissuto... cosa ti costa...
    bella, come sempre... un abbraccio e Auguri Len, per il nuovo anno e che ti porti quello che cerchi...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0