username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Incantesimo

Sono intrappolato in questa città,
e non riesco ad uscire,
le sue strade non bastano alla mia fuga.
Maledette bolgia,
mi fa artigliare dalle sue donne,
sfregiato purgatorio,
mi rinchiude nelle sue case.
Vivo,
cammino tra i morti,
che la popolano,
e ci parlo volentieri.
È un incantesimo,
vendetta di una vecchia fattucchiera,
l'avermi ridotto a mendicare
un tozzo di pane marcio
a chi vive solo per mangiare.
Figurarsi se mi fanno la carità.
Mi muovo in questa prigione
di carta con l'abilità
di un giocatore d'azzardo,
che, se non è esperto,
finge, per sopravvivere,
di essere sicuro di sé.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

14 commenti:

  • Salvatore Abbate il 14/05/2011 16:53
    Non bisogna pensare solo a noi stessi
  • giovanna raisso il 29/12/2009 12:28
    un bluff alla vita sperando che le emozioni non ci tradiscano..
    bravo Salva
  • Anonimo il 29/12/2009 09:55
    Questo tuo incantesimo mi sa che è la vita... di tutti, purtroppo. Bella ed originale. Bravissimo Salva
  • Vincenzo Capitanucci il 29/12/2009 08:55
    Bellissima Salva... cammino fra i morti... parlando con loro... su un crocevia di vita...

    tanti argomenti toccati... sfiorati con mano leggera... quella di un Artista... della parola...
  • Antonietta Mennitti il 29/12/2009 08:50
    Piaciuta!
  • isabella zangrando il 28/12/2009 17:31
    utilizzi delle immagini spietate, "l'avermi ridotto a mendicare un tozzo di pane marcio a chi vive solo per mangiare", sono parole vere e feroci. piaciuta.
  • loretta margherita citarei il 28/12/2009 14:48
    ottima fa riflettere
  • Kartika Blue il 28/12/2009 14:26
    bellissima e molto particolare!!
  • pippi calzelunghe il 28/12/2009 14:19
    verissimo, per sopravvivere spesso si finge. questa poesia percorre un bell viaggio
  • Anonimo il 28/12/2009 13:55
    Strano magico sogno.
    Auguri.
  • Don Pompeo Mongiello il 28/12/2009 12:10
    C' è in essa la cruda realtà di una città, che non si differenzia molta da Sodoma e Gomorra. Bravo!
  • Patty Portoghese il 28/12/2009 11:45
    Bravissimo, giocoliere di versi...
  • karen tognini il 28/12/2009 11:38
    ciao salvatore... bellissima, molto!!!!
  • Anonimo il 28/12/2009 11:20
    Buongiorno!! Sogno, realtà si confondono in questa tua poesia... ma rimani in questo mondo di carta, ei un bravo giocoliere... un abbraccio..

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0