username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Il teatrino della Vita cerca di staccare bottone dopo bottone

Mi sono spogliato completamente nudo davanti a Te
cercando senza vergogna una unione profonda

e Tu stai

impalata ferma
senza fare un gesto

abbottonata
nei tuoi bottoni
di diamante

mi parli senza fine di cose senza senso
fuori da ogni sesso

D'accordo è colpa mia
non avrei dovuto subito
palparti il culo

è vero
non siamo ancora sposati

avrei dovuto accendere una luminosa candela in cera d'api

dopo aver consumato una bella cena
mettere su musica e soavi profumi

abbassare leggermente le luci

sussurrarti con voce dolce tutto il mio amore
magari farti anche un po' ridere
mentre lentamente ti spoglio

ma chi è quell'imbecille che ha scritto questo assurdo copione
sicuramente una Donna sposata Madre di quattro figli

ed invece no
l'ho scritto io durante un attimo di atroce sensibilità

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

16 commenti:

  • karen tognini il 20/10/2011 15:28
    bellissima Vincenzo... gia' scrivevi da Dio...
  • Bruno Vollei il 21/07/2011 13:42
    bellissima. ... atroce sensibilità...
  • Luigi Naselli il 11/06/2011 19:03
    e va bene, è andata un po' storta. Ma c'è sempre il modo di rimediare; magari facendo proprio tutte quelle cose che riconosci che forse avresti potuto fare. Ciao e complimenti per l'immediatezza anche se un po' rustica
  • teresa... il 09/02/2011 22:32
    l'adoro, semplicemente toccante. scrivi ancora così, credo che rispetto alle altre abbia qualcosa di molto vero e profondo è come se fosse più tua delle altre un bacio
    Teresa
  • luca peregalli il 07/02/2011 16:43
    Trovo l'idea molto interessante, però lo sviluppo senza punteggiatura ed alcune immagini un po troppo semplici rendono il componimento poco gradevole da leggere... mio parere personale chiaramente, vedo che ad altri piace ed è giusto lasciarla così. Ciao
  • Layla Serizawa il 15/07/2010 04:04
    complimenti, è molto bella e sentita! questa poesia rievoca delle scene e dei sentimenti che solo alcuni istanti riescono a cogliere, bravo!
  • Anonimo il 03/04/2010 23:15
    sicuramente è una scelta, però, personalmente, trovo che con la punteggiatura assumerebbe uno spessore maggiore.
    Apprezzo la scelta di vocaboli: viva ciò che è rude e vero, ciò che graffia e stride!
  • Giulio Liguori il 06/02/2010 16:06
    Non mi piace solo il linguaggio rude che hai usato. Bella comunque l'idea
  • Anonimo il 31/12/2009 18:35
    .. Capitano.. gia arrivare nudo.. dai e certo che rimane impalata... Bello e' scoprirsi assieme.. tra quei profumi
    .. a sfogliare le emozioni... piano e a d a g i o.. Mi piace il copione..
    metti il poncho sei irresistibile..
  • giovanna raisso il 31/12/2009 17:08
    carinaaaaaaaaaaaaaaaa.. segui il copione.. e chissà che la prossima non metta la lampo..
  • Anonimo il 31/12/2009 16:55
    Chi è quell'angelico diavoletto che ti ispira?... che musetto ha la musa?... sei in forma Vincenzo... non sai come mi fai felice. Mi fai ridere e pensare allo stesso tempo... stupefacente, meglio del Brunello che berrò stasera alla tua salute.
  • giusi boccuni il 31/12/2009 16:35
    si, si... ci vuole tatto contatto sensibilità pazienza dolcezza risate profumi sapori colori ardori bagliori stupori... quante ne vogliamo di attenzioni noi donne...
  • Anonimo il 31/12/2009 14:46
    Vincenzo la prossima volta scrivi la poesia, prima di incontrare, poi rileggila e segui i tuoi consigli... secondo me andrò meglio!!!
    Sei stupefacente!!!
  • Anna G. Mormina il 31/12/2009 14:33
    " avrei dovuto accendere una luminosa candela in cera d'api...",
    ... si, così dovevi fare ma, sei sempre in tempo no? la tua atroce sensibilità femminile, oh Rita, ti ha sussurrato bene!
    ... ihih... scusa, ma mi vien da ridere... è troppo bella! Vincenzo, sei un fenomeno!!!
  • Anonimo il 31/12/2009 14:12
    Vincè alla faccia del romanticismo e dell'amore platonico, nudo ti prensenti alla meta... ma forse in bianco si va!.
  • Giuseppe Tiloca il 31/12/2009 12:38
    <Vincenzo mi stupisci!!! ;olto bella questa tua.. poesia! Wow, hai trovato un nuovo argomento! mi ha fatto riflettere. Bravo

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0