PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Attimo-folle

Ma quanto diversi siamo noi uomini,
a volte, anzi spesso, io mi chiedo!
Non ho camminato per 30 anni vicino a nessuno,
nemmeno a me stesso,
che pure il vento, lo stesso,
ha lasciato nel mio sangue la pazzia,
che risiede nella pietà verso un povero cane randagio.

 

1
9 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

9 commenti:

  • Anonimo il 07/12/2010 11:12
    sicuro che gli uomini sian cosi diversi?
  • Enrico Scarcella il 13/10/2010 08:44
    Stupenda poesia. Mi rispecchio tantissimo nei tuoi versi. Ciao.
  • Daniela Di Mattia il 13/10/2010 08:30
    Mi piace il tuo stile poeta
  • Andrea Arvati il 05/03/2010 02:25
    grande, davvero piena di vita. bello stile
  • Donato Delfin8 il 09/01/2010 21:23
    Piaciuta. Auguroni
  • Anonimo il 04/01/2010 19:43
  • Anonimo il 01/01/2010 23:59
    Piaciuta
  • Anonimo il 01/01/2010 22:50
    A volte succede il tempo cambia muta e poi... siamo tutti diversi.
  • Anonimo il 01/01/2010 22:23
    Camminiamo tutta la vita con noi stessi senza mai riconoscerci perchè noi ogni giorno, anche se solo impercettibilmente cambiamo. Ma il vento, sempre lo stesso, ti ha lasciato immutato, l'amore che è dentro di te... e forse quel cane randagio rappresenta, ora, te.
    ti abbraccio

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0