username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

La palude

Non immergerò
i miei piedi
nella palude
finchè la luna
splenderà
sovrana
e il dubbio
non mi accenderà
le labbra.

Non annegherò
nella palude
se il mio
buon senso
non si dipanerà
da me.

Una palude densa
e silenziosa
abita
a un tiro di schioppo
dalla mia casa.

 

1
6 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • GIUSEPPE il 08/05/2012 13:21
    La palude è la parte di noi stessi che non conosciamo, che fa parte dell'inconscio. A volte ricordi ancestrali rimbalzano nella mente e scatenano conflitti esistenziali, ma non siamo certo noi a volerli; in sostanza un dito del nostro piede è per natura già immerso nella palude, in quell'ansia quotidiana o paura di vivere; l'importante è cercare l'antidoto quotidiano mentale che ci consente di non sprofondare completamente nell'abisso. Ciao Vincenzo bell'analisi poetica.

6 commenti:

  • denny red. il 24/02/2010 02:34
    molto bella, la palude la luna.. bravissimo!
  • Anonimo il 23/02/2010 10:47
    Buona, Vincenzo. Anche se sarei stato più incisivo. Comunque è un piacere leggerti
  • giovanna raisso il 05/01/2010 16:18
    densa e silenziosa.. ma palude..
    la luna splenderà e non ci saranno dubbi
    bella Vincenzo
  • Anonimo il 04/01/2010 17:40
    Davvero bravo Vincenzo... complimentoni
  • loretta margherita citarei il 03/01/2010 13:37
    bella, intensa, vincere le paure con la luce della luna.
  • karen tognini il 03/01/2010 10:54
    STUPENDA... molto, molto bella..!!!!!!!!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0