username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Trattieni il respiro

Trattieni il respiro…conta i passi
gli occhi dell’assassino sono di ghiaccio,
riflettono le tenebre
sangue e rose nei suoi capelli.
Trattieni il respiro…non abbiamo più nulla da perdere
Segui l’indice puntato, fino al luogo del delitto…
Bacia chi ti ha pugnalato…altro non puoi fare
indietro non si torna…
l’amore non ritorna
l’allegria non ritorna
l’anima trabocca…e non ritorna.
Hai dei dubbi, amica mia?
Hai delle domande da fare?
Dammi la mano, coraggio…
sfiora questa mano insanguinata
e punta gli occhi alla tua sinistra
c’è la morte che ti aspetta…
ti sussurra per non svegliarti
ma ciò che dice ti marchia a fuoco.
Trattieni il respiro…spingi in avanti…
Chiudi gli occhi e sbuffa…
ascolta il ritmo del tuo cuore…cosa voglio dirti…
qui c’è troppo tanfo di sacro…
Ogni assassino seppellisce la sua vittima,
ed io resto imperterrito a guardare
mentre palate di terra ti arrivano in faccia
sangue e rose nella tua fossa…
non ho altro da dire…
i fiori marciscono,
i corpi si decompongono
i miei dubbi sopprimono le tue certezze.

 

0
6 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

6 commenti:

  • Anonimo il 12/02/2012 01:08
    Mmmmm... mi piace. Incredibile. Sembra che parli di qualcosa di vivo e non stilizzato. Non sembrano parole buttate a caso o per forza. Mica male..,
  • Raju Kp il 02/04/2008 23:27
    Molto originale
  • sara rota il 08/07/2007 10:37
    Anche a me sembrano canzoni, ben scritta...
  • Maty' Sessa il 02/07/2007 04:48
    io quando ho a che fare con la poesia, sono molto professionale, dimendicando
    le questioni private personali
    per questo e solo per questo continuo a commentare e a votare le tue poesie: cmq mi piace come scrivi, ho sempre apprezzato il tuo stile.
  • Maty' Sessa il 09/05/2007 03:54
    sei il mio poeta preferito
    ma il tuo animo nasconde una grande sofferenza:
  • Argeta Brozi il 06/12/2006 11:30
    Sembrano più canzoni che poesie. Canzoni stile dark, tipo poeti maledetti. Non è il genere che piace a me, devi lavorare e levigare maggiormente le tue opere.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0