username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

[Senza titolo]

Era miele questo giorno che ora
mi lascia a scrivere su una sedia a dondolo
logorroici lamenti che il vento rapisce e allontana.
Scalza cammino nel buio schivando col ricordo
i mobili di una stanza che so aver amato
e che ora sembrano partigiani nascosti.

Corri tra le mie dita lasciandomi assetata,
avida di passione, furibonda ricerco calore e stupore.
E tu ti nascondi per non sentire pagine di grida.
Quel tuo sottile dispiacere dell'essere arrivato tra ombre
e abiti dismessi. Te ne sei andato da quel tempo sussurrato.

 

0
6 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

6 commenti:

  • arjan kallco il 09/05/2012 17:47
    Ogni partire e' un po' morire...
  • Sergio Fravolini il 09/10/2010 08:47
    "era miele questo giorno" hai espressinoni molto dolci.

    Sergio
  • c m il 24/08/2010 14:39
    mi piace molto la poesia e anche come scrivi
  • Anonimo il 05/01/2010 00:25
    Le parole sono immagini talmente eloquenti quando le si usa come hai fatto in questa poesia
    Complimenti
  • loretta margherita citarei il 04/01/2010 14:01
    ben scritta
  • Salvatore Ferranti il 04/01/2010 12:49
    bella poesia