accedi   |   crea nuovo account

[Senza titolo]

Che strano stasera
sentir la tua voce
tu parli
ed io penso

ne avevo scordato il colore
quel sapore di amaro che amavi lasciare
e quelle lacrime che tu non vedevi
salavano il cuore
Silenzi di ore
sospesa a quel filo
e poi la tua voce..
assetata di te
bevevo parole

che strano stasera
tu parli
e non sento

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

19 commenti:

  • Filippo Minacapilli il 05/04/2012 11:59
    Sentire intimo che si svela con la magia delle parole! Mi piace molto... tra le mie preferite!
  • Rumeno Ozi Randagie il 22/09/2011 21:41
    Sofisticata, sottile e penetrante
  • ylenia 2010 il 31/08/2010 23:26
    ... sono molto belle le tue poesie: brevi ma in poche parole, riesci a trasmetere l'essenza dell'amore!
  • Antonio rea il 13/01/2010 13:07
    Quando si provano sentimenti così forti è impossibile sentire, la mente vaga nei dolci meandri dell'amore. bella ed intensa!!
  • Andrea Zotta il 11/01/2010 11:12
    Sarcasmo raffinato.
    Complimenti.
  • karen tognini il 10/01/2010 19:34
    bellissima... complimenti
  • Anonimo il 07/01/2010 17:42
    mi era sfuggita... caspita, forse perchè senza titolo... ma dai, glielo devi dare... che so, Non odo parole... oppure... Parole parole parole... o Inizio d'una fine... ce n'è a bizzeffe. Tornando alla poesia mi è piaciuta molto, meno per lui che non sa quel che si perde. Un abbraccio ed una spalla robusta sulla quale ridere gioiosamente.
  • David Di Meo il 07/01/2010 15:47
    stupenda...
  • Aedo il 06/01/2010 23:41
    È veramente bella la tua poesia, Giovanna: riesci a trasmettere condizioni di vita condivise da molti. Quante volte ci sentiamo parlare addosso, senza riuscire a capirsi veramente. E spesso l'amore ci impedisce di essere sereni...
    Bravissima!
    Ciao
    Ignazio
  • Anonimo il 06/01/2010 16:47
    davvero bella complimenti
  • Adamo Musella il 06/01/2010 08:11
    Le parole amano lasciare il segno, ora solo una pura descrizione di un quotidiano quasi amaro ricordo. Inascoltata la tua presenza, questo il titolo che potrei suggerire cara Giovanna. un bacio
  • giovanna raisso il 05/01/2010 15:31
    flik grazie di avermi ricordato Eduardo la sua telepatia.. hai ragione, nulla di più distante..
  • Antonietta Mennitti il 05/01/2010 14:02
    Insofferenza... delusione... voglia di non ascoltare... Tutto traspare in questa poesia, anche la fine di un amore!
  • Ruben Reversi il 05/01/2010 13:54
    BELLISSIMA DOLCE GIOVANNA. IL RICONOSCERE L'AMORE SOPITO CHE RITORNA E VIVE E PULSA...
    BRAVA. TVB. RUBEN
  • Rino il 05/01/2010 08:55
    Nella commedia "Natale in casa Cupiello" Luca (Eduardo De Filippo), rivolgendosi alla moglie Concetta, spiega la telepatia con la frase "io non busso e tu apri la porta..." Nell'ultima strofa c'è tutto il dolore di una telepatia finita, ed è inutile bussare con le parole ad una porta che non si apre più... Molto bella...
  • Vincenzo Capitanucci il 05/01/2010 08:03
    Tu parli... ed io non bevo più... mah... non avrò più sete di Te... mi farò un risvegliante cafè...

    Bellissima Giovanna...
  • augusto villa il 05/01/2010 00:42
    Bellissima... Veramente piaciuta... Complimenti!!!----------------
  • loretta margherita citarei il 04/01/2010 22:39
    storia finita bella
  • Anonimo il 04/01/2010 22:13
    Fine di un amore scritto con il cuore.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0