username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

L'esser giovane

Nell'acerba stagione degli anni
scandivo la mia solitudine
nel silenzio del tempo.

Mi perdevo nel verde dei prati
a rincorrere forte i miei sogni scaduti
respiravo frenando l'ingenua natura
e lo sguardo evitavo degli occhi l'opposto.

Fu così che andai via con la mia fantasia
sottraendo a quegli anni i momenti più gai.
Continuai a baciare la vita a me ingrata
regalando alle ore proibite
rinnovate speranze mai perse.

 

1
6 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

6 commenti:

  • Andrea Zotta il 11/01/2010 15:35
    Belle immagini.
    Brava complimenti.
  • loretta margherita citarei il 05/01/2010 15:35
    ben scritta, mi piace leggerti
  • Anonimo il 05/01/2010 15:18
    Retrospettiva e densa di nostalgia. Molto condivisa ed apprezzata.
  • Salvatore Ferranti il 05/01/2010 12:55
    bravissima maddalena, come sempre sai emozionare
  • Sarah K. il 05/01/2010 12:53
    Brava brava!!!
  • Anonimo il 05/01/2010 12:48
    sono i momenti di gloria che rubano il tempo alla vita, ma restano sempre dei bei ricordi anche se sommano anni, ma credo che il dna sia così per tutti. ciao Salva.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0