accedi   |   crea nuovo account

Carati Stellari

Collier di rocce
in giro danzan alle lucenti bocce

centrifuga è la legge
che insieme lo regge,
ma a me paiono fili
che delle perle traccian i confini

poi c'è la gravità,
ingorda entità
o celeste colla,
che a sè tutto tira e poco molla.

Orafo immacolato,
cosa c'hai donato?
Silverine gemme sul bancon hai esposto
sicur che v'era posto.

Il firmamento è vetrina
che mai s'avvicina.

Del metal regio
Tu hai privilegio
di cambiar disposizione
senza chiederci opinione,

e a noi rimane il gusto
di mirar il negozio lustro.
senza però sapere
quanto possa valere.

Della miniera del paradiso
infin scorgo il viso:
degli angelici sguardi non è che il sorriso.

 

1
6 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

6 commenti:

  • Vincenzo Capitanucci il 17/01/2011 15:58
    La gravità... a sè tutto tira e poca molla..

    Molto bella Simo... dalla miniera del paradiso... gioia è... il sorriso..
  • Nicola Lo Conte il 07/11/2010 19:49
    Della miniera del paradiso
    infin scorgo il viso:
    degli angelici sguardi non è che il sorriso.
    Bello riscoprire la tua poesia!
    bravo..
  • Simone Scienza il 06/01/2010 01:19
    Troppo gentile, grazie: è sempre bello condividere passioni comuni, avrò anch'io modo di apprezzare i tuoi versi.
  • Cinzia Gargiulo il 06/01/2010 00:08
    Poesia molto musicale. Bravo e benvenuto sul sito!...
  • dario caiazzo il 05/01/2010 22:04
    musicale e ben rimata.. bravo
  • loretta margherita citarei il 05/01/2010 21:01
    rimata molto bene, bella

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0