PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Uros

Per sfuggire dalla violenza
vivo su una leggera isola galleggiante

sono
solo
una bambina
nata
nell'acqua

animo
fluttuando
nascostamente
le tue notti

discriminata
oggi come sempre

tolgo l'ancora
seguendo ancora
il dolce fluire
di antiche profonde
correnti divine

La mia vita
è
appesa
ad un fragile giunco
di tot ora

io ballo
danzando
in trotto la
sulle alte cime
della consapevolezza

il serpente bianco
da me torna
mordendosi
la sua turistica coda

Oroboro

Vieni con me nell'arcano oscuro lago dove si cela il burroso cielo d'oro del mio cuore?

 

0
9 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

9 commenti:

  • Anonimo il 07/01/2010 18:37
    bravo
  • Anonimo il 07/01/2010 00:43
    Ricchissima di evocazioni antiche e tuttavia sempre attuali!!!
  • Don Pompeo Mongiello il 06/01/2010 20:53
    Bella davvero.
  • Anonimo il 06/01/2010 15:58
    Uros, Inca, Totora... certo che quel fatto del tot ora non lo sapevo. Ecco a cosa serve la poesia... loretta ne era informata? bella poesia Vincenzo... popoli oppressi e violenza sono temi a me cari... potevo inserire una bimba sull'isola galleggiante nella mia poesia Faber suae quisque fortunae... ricordi?. Vengo anch'io con te e con Oroboro nell'oscuro lago... non sono pratico di serpenti ma di anguille del lago si. Poesia tosta, vincenzo. Ha ragione Amorina
  • Anna G. Mormina il 06/01/2010 14:51
    "Vieni con me nell'arcano oscuro lago dove si cela il burroso cielo d'oro del mio cuore?"..., anche io mi sento una piccola bimba nata nell'acqua, voglio vivere sulla leggera isola galleggiante, su quel lago...
    ... bellissima poesia!!!!
  • loretta margherita citarei il 06/01/2010 14:46
    basta al commercio delle bambine, basta ai viaggi dove persone viziose deturpano l'animo dei bimbi, bravissimo cap
  • Donato Delfin8 il 06/01/2010 14:19
    Bravo Vincè
  • Amorina Rojo il 06/01/2010 14:01
    grande popolo oppresso descritto bene in questa mirabile poesia. esclusa, però, perchè non per tutti. scusi esimio poeta... e noi poveri comuni mortali come la possiamo comprendere? lei è nel mio paradiso dei Mostri Sacri.
  • karen tognini il 06/01/2010 11:56
    BELLISSIMA... CUORE GRANDE... LEGGIADRO!!!!!!!!!!!!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0