accedi   |   crea nuovo account

Milano

Crudele appare Milano
nel mese più inebriante
Le contraddizioni regnano sovrane:
prima pullulante di carne
adesso di polvere

Sole a Milano d'agosto
somiglia ad una sfera arroventata
insipida e avvilente

Subito viene scalzata
da una brezza
che rinfranca le membra
essenziale vitale
come Milano d'inverno

Un coriandolo lucente
sovrasta candido la mia stanza
non è che una gemma solitaria
nel cielo terso eppur così vacuo!

 

1
4 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 13/01/2014 04:34
    apprezzata... complimenti.

4 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0