username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

O cardinale

Ovvero
con il napoletan
pensiero
il Cardinale che fu
E fu tutto o vero...
Che Napule
voleva fregà..
Ed jamme belle
comme di: Se.. se.
Aggio fatto
pure a rima ma..
San Gennà
non fa o strunz
e piensace tu...!!!


... O Cardinale...

Grassoccio ed opulento,
aspetto anormale,
aria del redento,
viva o Cardinale..!!

Non inchinatevi gente,
al suo passaggio,
non capite niente,
ascoltate il messaggio.

In alto le dita,
stentato sorriso,
maestro di vita,
e popol deriso.

Nel suo palazzo,
tra fama ed onori,
con fare da pazzo,
regala rancori.

Entrate segrete
per Baronesse,
stanze dorate
e madri badesse.

E nella notte,
sottolineo in neretto,
angherie e botte,
al fanciullo nel letto.

Più donate
per i meno abbienti,

12

0
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • loretta margherita citarei il 07/01/2010 14:08
    ma quello lassù, vede e provvede, la fede è anche questo, Dio sa rendere bonissima giustizia, come se diceva ai tempi de pasquino
  • Auro Lezzi il 07/01/2010 10:26
    È molto molto dedicata... ad un certo cardinale napoletano pluriinquisito.. Ma non facciamo nomi...
  • Salvatore Ferranti il 07/01/2010 10:09
    bella davvero

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0