PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Il sapere

Trasognato su tende e velluti
tra le scure paratie insonorizzate,
necessari ed ovattati spessori di silenzio
nell'avidità' fuggente
di scovare sotto il mio pesante posacenere
le ultime briciole intatte
di questa eternità,

Trascino lento le mani tra cornici e bottoni
scivolando sulle geometrie imperfette
di questo mogano rosso e antico
mi coccolo di morbidezze
gioco con i ghirigori della trama
del velluto
del sedile
trono sconfitto
d'un abbandonato regno di sapere

intravedo addormentato
l'operoso andirivieni
d'un cimitero decadente
affollato di becchini in doppio petto
e madame su calze a rete e
chanel numero cinque,

Trangugio vino e sogni
e questo pernicioso chiacchierare,
questo funambolico abominio di torture
mi desta,
sulla corda tesa d'un arco
teso verso un futuro
onirico e sciocco,
dove persino la cultura,
ultima dEA,
ha gia' fatto le valige.

 

0
5 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

5 commenti:

  • Anonimo il 22/05/2007 10:39
    Scritta magnificamente... ma troppo artificiosa per i miei gusti.
  • giacomo parillo il 02/12/2006 14:11
    bravo ivan mi stupisci sempre giorno dopo giorno!!!! cmq ho inserito una mia nuova poesi si intitola a sveglia mi farebbe piacere se me la comentassi e votassi grazie
  • augusto villa il 30/11/2006 16:16
    Un bello scritto!... come al solito... un bel dipinto! ... Mi sembra di sentirlo, il morbido velluto,... mi sembra di toccarlo!... e mi pare di vederne addirittura il colore... Bravo!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0