username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Zoria

Chissà
che pensi!!!
caro barbone...
in francese
"Clochard"
suona meglio!!!
perfino i barboni
sono più fini
in Francia...
In Italia...
"Barboni"...
ma non sono mica
cani!
Ne conoscevo
una.. era una pittrice
la sua dimora
era un marciapiede...
la vedevo spesso..
mi salutava.. o mi insultava..
si chiamava Zoria.

Un giorno
la notte se l'è
portata via

 

0
8 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

8 commenti:

  • Salvatore Ferranti il 11/01/2010 09:33
    bella dedica, per una persona che sarebbe felice di sicuro se potesse leggere la tua opera... applausi, molto dolce e delicata
  • Anonimo il 09/01/2010 18:33
    bravissima..
  • fabio martini il 09/01/2010 16:16
    bellissima questa tua poesia mi ha ricordato una poesia americana della beat generation... anche io penso che tante cose gli italiani dovrebbero cambiare specie nel rapporto con i meno fortunati... fm
  • Antonietta Mennitti il 09/01/2010 11:53
    Che tristezza Karen... poverina!
  • Patty Portoghese il 09/01/2010 09:12
    ORIGINALE, VERSI PARTICOLARI BEN SCRITTI, BRAVISSIMA kAREN!
  • Vincenzo Capitanucci il 09/01/2010 08:57
    Il Clochard era un uomo che viveva sotto i ponti... per un rifiuto totale della società... bello il film con Jean Gabin... il barbone è piùttosto un uomo.. che ha perso tutto... ed è stato in vari modi... escluso dalla società...
    oggi sono lì... domani forse non più... per mancanza di una mano amica... che li risollevi... nel riso del Sole...
    Bellissima Karen... un abbraccio...
  • Aedo il 09/01/2010 00:00
    Una poesia originale, per affrontare un tema importante e porsi contro l'emarginazione di ogni genere. Brava, Karen!
    Ignazio
  • Rino il 08/01/2010 22:12
    Anche in quelle teste ci sono idee, speranze, sogni infranti.. pensieri inespressi... mi commuovono, quando li vedo in strada accompagnati dalla loro solitudine... Una canzone di Baglioni, "Uomini persi" è straordinariamente espressiva e abbraccia anche altri campi della solitudine umana... e ogni volta che l'ascolto rimango incantato dalla poesia dei suoi versi e dalla musicalità... Brava Karen!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0