accedi   |   crea nuovo account

Dolce silenzio

Dolce movenza di un giorno di vento,
alberi scossi, le foglie cadono.
Calpestio di bambini si rincorrono, giocano,
lasciano impronte su una tavolozza di colori caldi.
Il pettirosso, saltella tra i rami, leggero il suo volo,
un piccolo cuore, un soffio di vita.
La natura china il capo, l’inverno la ricopre,
si prepara per un lungo sonno.
Giornate smorzate da passi pesanti,
nelle mani, solcate da lunghe rughe,
il tempo scorre lentamente,
Nella penombra il fuoco arde,
la fiamma, si diverte adombrare sulle sbiadite
pareti, un continuo andirivieni di sogni smorti.
Gli anziani si raccontano in lunghi silenzi.
E noi…inseguendoci con gli occhi aspettiamo
la stagione dei fiori.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

10 commenti:

  • Anonimo il 28/07/2008 12:29
    Siamo in estate, il sole martella li' fuori, l'asfalto e le menti sfuggenti, ma colgo questi pensieri per seguire la traccia di pettirossi smarriti che vorrei ritrovare in una voliera estiva senza reti.
    Struggente.
    nel
  • Anonimo il 13/12/2006 09:23
    Giuseppe... sembra una tela immensa pennellata di colori tenui e caldi.. la tela della vita, quella vera, che si percepisce anche dal battito del cuore, soffio, di un piccolo pettirosso. Poesia e lirica. Ti adoro.
  • Simo Salsera il 04/12/2006 15:16
    Mi sembra, mentre la leggo, di stare in casa col mio amore vicino al camino e ogni tanto mi affaccio alla finestra e osservoi colori caldi dell'inverno.
    Mi viene nostalgia dei nonni.
    bella
    simo
  • Dora Millaci il 04/12/2006 10:26
    gradevole e ben scritta.
  • giacomo parillo il 02/12/2006 14:06
    bravo... molto bella. mi piace il tuo modo di poetare

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0