accedi   |   crea nuovo account

delirio

E l'anima fugge, spezzando le catene,
fugge veloce, più veloce del pensiero,
superando ogni vincolo...
Ormai libera fugge, come una saetta indomita
lanciata verso l'ignoto.
Con la rapidità del vento
penetra il respiro delle foreste lussureggianti ed
immobili come immense cattedrali.
Si inoltra tra le radure più voluttuosamente intricate.
Travolge e ottenebra il sussurro delle fronde.
Raggiunge le vette inaccessibili che
accarezzano le eteree nuvole.
S'inerpica, con disarmante facilità,
su per le chine scoscese, dove statuari stambecchi osservano.
Sfiora i dirupi più oltraggiosi,
gli spaventosi orridi in cui deliranti
cascate sciabordano e si schiantano
con la violenza del destino.

 

0
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • Anonimo il 25/09/2010 08:07
    Delirio di aggettivi a quanto leggo. Forse che metterne a iosa rende più significativo ciò che scriviamo? Ma ne siamo propio sicuri?
  • Roberta Berardi il 24/07/2008 14:40
    bello stile... bella la passione che esprimi!
    mi è piaciuto in particolar modo il verso "Travolge e ottenebra il sussurro delle fronde".
    a rileggerci
    Roberta
  • miryam maniero il 02/12/2006 10:42
    è un volo complesso quello dell'anima... questa tua descrizione mi è piaciuta... l'ultimo verso trascina e sprigiona forza.
    un saluto

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0