PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Imperdonabile cammino

Viaggio lentamente
lo stomaco innaffia fragilità
la pelle si ritira...
cerco una nuova fuga, verso una nuova vita.

Questo imperdonabile cammino
mostra il mio destino crudele,
sconfitto dalle mie stesse paure
nessuna perdonabile azione.
Attraverso il tempo
Perdo la mia vita a sottovalutare la eterna grande luce bianca...
... della mia salvezza.

Sento il freddo placare,
blocca anche tutti i miei irresistibili pensieri,
le ossa, rammollite,
chiedono perdono alla luce della mia salvezza.

Questo imperdonabile cammino
mostra il mio destino crudele,
sconfitto dalle mie stesse paure
nessuna perdonabile azione.
Attraverso il tempo
Perdo la mia vita a sottovalutare la eterna grande luce bianca...
... della mia salvezza.

Attraverso il cammino
il mio corpo è bloccato,
sento la morte bagnare nel mio sangue.

 

0
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • vincent corbo il 10/02/2010 17:57
    la poesia presenta una struttura quasi circolare, mi piace il ritmo e l'atmosfera che dai ai versi.
  • Anonimo il 09/01/2010 20:53
    ci si congela tra le lastre del ghiaccio... di quel fredddo che non fa altro, istintivamente, bloccarci ad abbracciarci con le stesse nostra braccia... nel tentativo di scaldarci e cacciare il l freddo che arriva fino al cuore... ci sarà primavera per noi?
  • loretta margherita citarei il 09/01/2010 20:48
    è drammatica

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0