accedi   |   crea nuovo account

24 Giugno 217 A. C

L'usignolo
nel silenzio del mattino
da sopra la collina
gli occhi svaria l'Appennino
conta uomini
tra Gualandro e Montigeto.

Monte Cortonense
piange romano
il ventiquattro Giugno
duecentodiciassette.
Flaminio muove a sud
a nord Servilio
e bianca coltre di nebbia
s'allarga...

Cavalleria leggera e celti
libici e iberici sopra la cima
baleari e astati chiudono il tratto
da Montigeto al Borghetto...

Caligae lente come un serpente
marciano silenziose sul Malpasso
la nebbia avvolge la riva del lago
la cavalleria rotola giù
... Vola via l'usignolo.

Circondati e al fianco scoperti
accerchiati ai canneti il Trasimeno
il torrente della valle da quel giorno
cambia il nome

... in Sanguineto.

 

1
2 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Don Pompeo Mongiello il 17/02/2016 08:48
    Un modo di raccontar la storia originale e divertente.

2 commenti:

  • Fabio Solieri il 03/01/2013 06:31
    Anche gli usignoli testimoniano battagle. Cronaca di una battaglia finita in un fiume di sangue.
  • loretta margherita citarei il 10/01/2010 15:35
    bella ricostruzione storica piaciuta il mio bel lago trasimeno, la spiaggia dei perugini...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0